Canale Chiaretti-Pietrostefani al Terminillo

Lunghezza: 3Km
Dislivello Complessivo: 450mt (lunghezza solo canale 250mt)
Durata: 3h30m
Grado di Difficoltà: PD+ pendenze 45/55° max 65°, possibile passaggio su misto facile
Data Ultima Modifica: Marzo 2012
Punto di Partenza e Arrivo: Rifugio Angelo Sebastiani (1.820mt)
Tipo di Percorso: Anello
Gruppo Montuoso: Monti Reatini
Fonte/Autore: Fabio - Born To Trek

Scarica gps 
Scarica mappa
Scarica pdf

Premessa: Il canale Chiaretti-Pietrostefani (chiamato anche solo Pietrostefani) è una famosa e grandiosa via sul Terminillo ambita da molti alpinisti per la sua attraente linea che taglia elegantemente il costone roccioso nordorientale del monte Terminillo.
Lungo la salita è possibile godere di panorami incredibili simili a quelli delle grandi salite alpine. Itinerario vario e divertente presenta difficoltà non eccessive con passaggi stretti che ad inizio o fine stagione possono risultare spogli chiedendo una salita su facile misto.

A seconda delle condizioni della neve è importante avere con sé 2-3 chiodi da ghiaccio, un paio di chiodi da roccia e/o 2-3 fittoni da neve oltre alla normale dotazione alpinistica.
Una nota di attenzione va fatta sulle invernali al Terminillo di inizio stagione, questa zona è battuta da sole e venti che provocano la formazione di ghiaccio. In periodi stagionali con poco innevamento nella zona sono presenti molte rocce emergenti che unite alla presenza di ghiaccio risultano estremamente pericolose in caso di scivolata. Fare attenzione dunque al ghiaccio di inizio stagione, anche e soprattutto nel tratto di avvicinamento sottostante le pareti.

Come arrivare: per le indicazioni stradali al punto di partenza clicca qui
Dalla A1 si prende l'uscita per Fiano Romano fino a ricongiungersi con la Salaria, questa si segue per circa 40Km fino a giungere a Rieti dove, senza entrare in città, si svolta a destra per la superstrada di Terni per poi svoltare poco dopo a sinistra per la via Salaria per Roma. Si entra nella città, si prosegue per la Salaria fino a giungere all'incrocio per l'Aquila, si svolta a destra e dopo poco di nuovo a sinistra per Via Terminillo. Si segue questa strada fino a che non diviene Strada statale del Terminillo seguendo la quale si giunge prima a Pian de' Valli e successivamente agli impianti sciistici da dove è facile raggiungere il rifugio Angelo Sebastiani.
Volendo si può decidere di proseguire oltre il rifugio lungo la strada che porta a Leonessa, dopo un paio di tornanti si giunge alla sella di Leonessa dove è possibile parcheggiare la macchina e da dove si può accorciare di poco il percorso e il dislivello.

Descrizione: Dal Rifugio si seguono i cartelli in direzione del Terminillo seguendo i piloni della vecchia seggiovia  che raggiungono in breve le zone limitrofe a Sella Leonessa con a sinistra la base delle pareti. Ci si avvicina alla base delle pareti Est, si traversa verso dx attraversando tutta la zona rocciosa fino ad arrivare alla selletta che si affaccia sulle zone settentrionali del Terminillo. Alzando lo sguardo sulla sinistra in ombra si vede l’elegante linea del canale Chiaretti-Pietrostefani che risale con decisa inclinazione tutto il costone .
Con traverso in leggera discesa (attenzione in presenza di ghiaccio) si raggiunge la base del canale che sin da subito risulta con pendenze di 45/50° . Si risale per ca.100mt fino ad un masso che anticipa un salto roccioso con strettoia sulla destra . Si risale sulla destra la strettoia spesso spoglia di neve che può richiedere un passaggio di misto su erbetta per giungere nella zona sommitale più aperta. Il tratto più ripido e incassato è terminato ma è bene non abbassare la guardia.

Si segue inizialmente la cresta per poi traversare a sinistra un pendio a 45° che porta ad un saltino roccioso superato il quale si giunge nuovamente in cresta ora spoglia e panoramica. Tenendosi sulla destra della cresta si giunge nelle zone morbide sottostanti la vetta per raggiungere la vetta est e poi la vetta centrale del Terminillo (2.216mt) .
Per la discesa è possibile scendere per il canalone centrale posto proprio sotto la vetta sul versante orientale , fare molta attenzione in caso di neve ghiacciata ad inizio o fine stagione, il canalone può diventare una rampa ghiacciata con massi sporgenti. In alternativa è possibile proseguire lungo la cresta sud-est in direzione del rifugio Sebastiani facendo attenzione alle cornici , si supera un primo tratto leggermente ripido e successivamente si segue il filo di cresta che conduce al visibile rifugio. È possibile anche tagliare a metà della discesa verso sinistra in caso fosse necessario raggiungere la Sella di Leonessa.

© 2021 Born To Trek. All Rights Reserved.