BORN TO TREK


Home arrow Trekking arrow TR Appennini arrow Monte Erdigheta (da Valle Naforte)
martedì 04 agosto 2020
Advertisement
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Syndication

MONTE ERDIGHETA

Lunghezza: 8Km

Dislivello Complessivo: 1050m

Durata: 4h 30m

Grado di Difficoltà: EE+(passaggi alpinistici fino al III grado)

Data Ultima Modifica: Novembre 2011

Punto di Partenza: Valle Naforte (550mt ca.)

Punto di Arrivo: Valle Naforte (550mt ca.)

Tipo di Percorso: Anello

Scarica i documenti del percorso Dai il feedback al percorso

 

Come arrivarci: Dal paese di Sezze si seguono le indicazioni per Bassiano, giunti al cimitero di Sezze si gira  a destra seguendo le indicazioni per Roccagorga. Poco dopo (sulla destra c'è una grande area commerciale) si svolta per la seconda strada a sinistra, via Melogrosso e si giunge ad una rotonda dove si prosegue per Via la Foresta. Ad un bivio si svolta a sinistra e si segue la strada finche questa non diviene asfaltata. Si prosegue sempre per la sterrata per un paio di km fino a raggiungere un ponticello a destra della strada. Si può parcheggiare al bordo della sterrata.

 

Premessa: Il percorso proposto porta sulla cima del monte Erdigheta per un sentiero non particolarmente frequentato e poco conosciuto, accessibile solo a chi ha una buona esperienza di montagna e anche nozioni di base di arrampicata. Difatti il sentiero percorre una cresta con passaggi alpinistici non particolarmente alti ma su roccia in parte buona e in parte marcia, ad ogni modo i passaggi sono evitabili aggirando gli ostacoli. Su di un passaggio sono presenti anche due spit per eventuali calate in condizioni di brutto tempo. Si consiglia l'utilizzo di un caschetto.
L'individuazione della cresta giusta non è semplicissimo in quanto il sentiero è poco evidente, è quindi consigliato avere un buon orientamento e seguire la cartina topografica per trovare la pista giusta.
Il monte Erdigheta non è particolarmente alto (1339mt) né è il più alto del gruppo, ad ogni modo sia dalla sua vetta, sia dalle vette vicine è possibile avere, in condizioni ottimali di visibilità, una vista magnifica sul Mar tirreno e le isole laziali.
L'escursione non è sicuramente di alta montagna ma è ottima per chi vuole esplorare ambienti più selvaggi e marittimi senza rinunciare alle difficoltà alpinistiche.

 

Descrizione: Dal punto in cui si è abbandonati la macchina si sorpassa il ponticello e proseguendo lungo il sentiero si giunge ad uno stazzo. Si devia a sinistra seguendo l'evidente sentiero che percorre il fondo della Valle del Ciccopano fino a raggiungere un bosco di pini. Si segue il sentiero che sale sull'inizio della cresta da dove si vede la vicina Valle della Caccia. Da qui si devia decisamente a sinistra seguendo tracce costeggianti delle recinzioni lungo il primo tratto di cresta (fare attenzione alle recinzioni che spesso si sdoppiano o si riuniscono, affidarsi all'orientamento). Dopo poco cominciano dei salti di roccia, sempre evitabili a sinistra o a destra, il più duro (III grado) non è più alto di 7mt ed è provvisto alla sommità di due spit per eventuali calate o sicure dall'alto. Successivamente un altro tratto di roccia è caratterizzato dalla presenza di un enorme masso che va risalito sulla sinistra. A questo punto la cresta segue dritta verso l'Erdigheta e giunti sotto la vetta si deve superare un ultimo tratto roccioso e ripido fino alla conquista della cima (1339mt).
Dalla vetta si prosegue verso sinistra (Nord-Nord-Ovest) seguendo il filo di cresta, all'imbocco del bosco una scritta su masso indica la vicina presenza dell'Abisso Consolini che è possibile vedere con una breve deviazione (fare ovviamente attenzione a non cadervi dentro). Seguendo la cresta per bosco si giunge sul Monte la Croce (1427mt) oltre la quale si incontrano i sentieri di salita per la via normale al Monte Semprevisa (raggiungibile proseguendo per nemmeno 1km lungo la cresta). A questo bivio si seguono i segnali che scendo a sinistra (Sud-Ovest) e dopo aver perso 500mt si giunge alla fonte Acqua della Chiesa. Dalla fonte si segue il sentiero facendo attenzione alla segnaletica scendendo per tornantini fino al fondo della Valle Naforte e seguendo il sentiero si giunge nuovamente al ponte del punto di partenza.

 
< Prec.   Pros. >
 
BORN TO TREK... l'escursionismo è ora Open Source!
 
2008 corno grande (ascensione).JPG
Design by Joomlateam.com | Powered by Joomlapixel.com |