BORN TO TREK


Home arrow Trekking arrow TR Appennini arrow Serra di Celano (da Ovindoli)
domenica 09 dicembre 2018
Advertisement
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Syndication

SERRA DI CELANO

 

Feedback

Lunghezza: 10Km

Dislivello Complessivo: 550m (-900m)

Durata: 5h

Grado di Difficoltà: E

Data Ultima Modifica: Aprile2007

Punto di Partenza: Ovindoli (1400m)

Punto di Arrivo: Km 41,5 SS696 Avezzano - L'Aquila

Tipo di Percorso: Traversata

 

Come arrivarci: autostrada A 25 Roma - Pescara uscita Celano. Proseguire per Ovindoli che si raggiunge dopo 19km. Valida anche l'uscita di Magliano dei Marsi, per chi proviene da Roma, transitando per Massa d'Albe, Forme, Santa Iona, fino ad incrociare la strada che sale ad Ovindoli. Dal casello di Magliano circa 27km.

 

Premessa: La Serra di Celano si erge come la prua di una nave in secca su quello che fu il lago del Fucino. Dominando con un dislivello di circa 1000 metri Celano e il suo castello, indubbiamente questa cima ha un suo fascino ed è per questo assai frequentata dagli escursionisti. Il colpo d'occhio sulla piana e al di là di questa sul Parco Nazionale d'Abruzzo e sugli Ernici è di prim'ordine. E' una montagna che, grazie alla sua esposizione, non trattiene a lungo la neve e per questo può essere affrontata anche in stagioni intermedie. Insieme al Monte Faito e al Pizzo di Ovindoli costituisce un piccolo gruppo montuoso che chiude a mezzogiorno l'altipiano delle Rocche. Disponendo di due auto, è anche possibile organizzare un anello che merita di essere compiuto.

 

Descrizione: da Ovindoli uscire in direzione est verso la pineta e passare sotto il Pizzo di Ovindoli. Si risale la valle con una sterrata dove va lasciata l'auto. Dopo circa 30 minuti si raggiunge il fontanile dei Curti e, ancora poco oltre, il rifugio La Serra (gestito in estate). Fin qui il terreno è agevole ed in lievissima pendenza. Continuare a seguire i rari segni del segnavia 11 e salire con più decisione verso SE, su terreni privi di vegetazione sul fianco ovest della Serra dei Curti, fino a raggiungere la cresta a quota 1824 in un punto in cui si dominano le gole di Celano (2 h). Un sentierino lungo il filo di cresta ci porta in vetta (1924 m, 2.30 h). Da notare che la vetta è detta anche monte Tino, ma in ogni caso ci regala splendidi e insospettati panorami.
Per la discesa si può utilizzare lo stesso itinerario ma, se si dispone di due auto può essere gradevole scendere sul versante ovest con segnavia 11 A. Si farà una bella discesa di circa 2 h lungo la valle dei Curti. Dalla sella, posta a quota 1824, piegare nettamente a sinistra lungo balze piuttosto ripide fino a guadare il torrentello Fosso dei Curti. Il sentiero è facilmente intuibile e passa, seguendo le tracce, sotto le fasce rocciose di Monte Faito a nord, facendo numerosi tornanti nel bosco. Si supera un acquedotto e una pineta fino ad un secondo acquedotto posto a quota 1100. Ci si abbassa ancora in direzione NE passando per la Fonte San Tommaso, sbucando sulla strada Celano - Ovindoli al km 41,400.

 
< Prec.   Pros. >
 
BORN TO TREK... l'escursionismo è ora Open Source!
 
2009 Serra di Celano (cresta).JPG
Design by Joomlateam.com | Powered by Joomlapixel.com |